Associazione culturale e di rievocazione storica Gallica

Home

Tarassaco

 

Il Tarassaco – Taraxacum officinale – Fam. Asteracee

 

L'ultima neve con il disgelo si tramuta in acqua, che scivola via tra le rocce, arrivando a valle, donando un gorgoglio vivace al ruscello che s'insinua tra i prati vellutati di nuova erbetta. ..

 

Dal libro Le fate dei fiori Cicely Mary Barker:

Guardate le mie foglie dentellate,
soffiate le lancette del soffione
guardate, fra le siepi, le mie ondate,
guardate il prato, guardate il sentiero, guardatemi in giardino, allegro e fiero!
Raccoglietemi pure: io cresco ancora,
senza chieder permesso né scusarmi,
che fate con le vostre zappe, allora?
Non riuscirete mai ad estirparmi!
Nessuno mi può fare impressione,
perché io sono il Dente di Leone!

La pianta di tarassaco ha la sua massima resa e disponibilità da febbraio a novembre,.

La pianta da cui nasce un fiore giallo che si chiude non appena c’è qualche nuvola in cielo viene chiamata “Dente di Leone”, questo perché le foglie basali sono simili proprio ai denti del leone. Viene chiamata anche soffione perché i frutti sono costituiti da una formazione piumosa che si stacca alla minima brezza.

Per questa sua capacità di volare lontano  il simbolo del Messaggero:

Nel vocabolario dei fiori  viene usato come Oracolo vegetale, gli innamorati infatti ci soffiano sopra e se tutti gli acheni volano via al primo soffio, le loro speranze si realizzeranno e la persona amata ricambierà il sentimento.

Nel 1500 Mattioli scriveva: “alcuni superstiziosi dicono che il succo di tarassaco mescolato con olio unto per il corpo fa impetrare i favori presso i grandi magnati ma parmi cosa veramente ridicola”.

E’ una delle piante commestibili officinali più note e, per tradizione, le più raccolte. Stimola la funzione epatica, è un amaro-tonico diuretico e leggero lassativo. E’ anche conosciuta come ipocolesterolizzante, ottima per le emorroidi, stitichezza e obesità.

Contiene aminoacidi, vitamine A,B, C, PP, D, Calcio, Potassio, Magnesio, Ferro, Silicio, Zolfo, Fosforo e Manganese. Stimolatore gastrico e grande decongestionante.

Per esempio ecco una tisana per abbassare il colesterolo:

-          Bardana radice 20%

-          Cicoria radice 20%

-          Tarassaco radice 60%

Se ne bevono due tazze al giorno e fa veramente schifo…

In generale quindi è consigliato: nei casi di astenia generale, negli stati di anemia e di demineralizzazione, negli stati di intossicazione generale come depuratore del sangue e della linfa; nell’arterio-sclerosi, nell’artritismo, reumatismo e gotta; nelle affezioni del fegato e della cistifellea; nelle affezioni dei reni, nelle malattie della pelle.

In caso di forte anemia conviene assumerlo in succo di radice fresca centrifugata nella dose di 2 tazzine da caffè al giorno, prese una prima di ogni pasto principale.

Il Tarassaco si può usare anche esternamente, infatti il lattice è ottimo per eliminare le verruche, se invece si vogliono schiarire le efelidi si possono fare degli impacchi con un infuso di fiori di Tarassaco.

In Cina il succo della pianta fresca viene applicato sulle morsicature dei serpenti

Cuocendo le foglie con dell’ortica, borragine, cicoria e fiocchi di avena si ottiene una minestra dietetica sana e nutriente.

Le sue foglie si mangiano in insalata (si chiama “insalata matta”) e la radice messa in liquore è un ottimo amaro-tonico; potete provare mettendo 100 g di radice sminuzzata in un litro di grappa, nella ricetta originale bisogna mettere anche 100 g di zucchero, io lo sconsiglio vivamente, così amara bisogna berla! e che celti siamo se no!!

 

 

Progetto di rievocazione storica Germanica di cui fa parte anche il Nemeton Ruis

 

 

 

 

News:  Le mummie di Acy-Romance

 

 

News:

L' utilzzo della frombola

 

 

 

 

 

 

 

 

  

Associazione culturale Nemeton Ruis Popolo del Sambuco - Sede legale: Cinisello Balsamo (Mi) CAP: 20092 - Via XXV aprile, 235 - C.F. 94601920153