Associazione culturale e di rievocazione storica Gallica

Home

Chi siamo

Attivita'

Articoli

Eventi

Links

Conttataci

 

Lo spirito del Gatto

 

La figura del gatto è ambigua in tutte le culture esistenti ed esistite sulla terra.

Proprio per  questo suo velo di fascinoso mistero essa è molto simile nelle varie culture pagane precristiane(dove la connotazione felina è stata associata spesso e volentieri al demonio).

Il motivo può essere che, soprattutto nella mitologia celtica, il gatto è un animale legato alla Luna, al regno dei morti,ai poteri dell’altro mondo,alla profezia e alla Terra come madre oscura il cui seme si spacca.

In diverse leggende celtiche viene detto che il gatto è un guardiano di tesori. Nel racconto gallese “La navigazione di Mael Duin”, il protagonista e i suoi compagni giungono presso una fortezza deserta, abitata solo da un gattino che salta da un pilastro all’altro dove trovano cibo pronto e molte ricchezze. Si lasciano andare ai festeggiamenti senza che nulla accada, ma quando uno di loro,un fratello di forestale di Mael Duin, tenta d’impadronirsi di un cerchio d’oro,viene incenerito da una fiamma guizzata dagli occhi del gattino che torna subito ai suoi giochi.

Un proverbio irlandese dice che gli occhi del gatto sono la porta dell’Altromondo.

Il guardiano delle porte di Tara, la fortezza dei Tuatha Dé Danan, aveva un occhio di gatto che di notte lo teneva sempre sveglio al rumore dei topi e degli uccelli, mentre di giorno,durante le guardie lo faceva addormentare.

In Irlanda vi era probabilmente un culto legato al gatto nel santuario della grotta di Clogh-magh,right-cat (la “grotta della piana della regina gatto”,oggi Clough, contea di Connacht), dove si diceva, un vecchio gatto nero stava seduto su una grotta d’argento.

Sembra che esistesse una dea-gatta di nome Palug o gatta Palu, considerata uno dei tre flagelli dell’isola di Anglesey.

Il gatto nell'antico Egitto fu adorato ed onorato. Era considerato un animale sacro ed era persino mummificato e messo sui sarcofagi delle famiglie più facoltose.

Nell'undicesimo secolo il topo nero invase l'Europa e quindi il gatto fu ancora più apprezzato.

 

 

Progetto di rievocazione storica Germanica di cui fa parte anche il Nemeton Ruis

 

 

 

 

News:  Le mummie di Acy-Romance

 

 

News:

L' utilzzo della frombola

 

 

 

 

 

 

 

  

Associazione culturale Nemeton Ruis Popolo del Sambuco - Sede legale: Cinisello Balsamo (Mi) CAP: 20092 - Via XXV aprile, 235 - C.F. 94601920153